Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)
  • Il vescovo Pierr-André Dumans davanti alla chiesa distrutta nella diocesi di Anse-à-Veau e Miragoâne dopo il terremoto del 14 agosto 2021.Immagine: Aiuto alla Chiesa che soffre (ACN)
  • Strada ad Haiti dopo il terremoto del 14.08.2021.Immagine: Aiuto alla Chiesa che soffre (ACN)
  • Strada ad Haiti dopo il terremoto del 14.08.2021.Immagine: Aiuto alla Chiesa che soffre (ACN)
  • La scuola, il centro sanitario e la chiesa del presbiterio della parrocchia di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso di Latiboliere della diocesi di Jeremie sono stati gravemente danneggiati dal terremoto del 14/08/2021.Immagine: Aiuto alla Chiesa che soffre (ACN)

HAITI: "Le cifre sono spaventose, ma non sono altro che una vaga indicazione delle sofferenze sopportate dalla popolazione", dice il capo dell'ufficio America Latina di ACN

In una conversazione telefonica con la Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN International), un'agenzia di soccorso cattolica internazionale, il cardinale Chibly Langlois, vescovo della diocesi di Les Cayes, ha descritto la terribile situazione in cui si trova il popolo di Haiti. "Finora non abbiamo ancora ricevuto nessuna tenda. La gente dorme per terra. Non c'è acqua, né elettricità, né cibo, né vestiti".

Molte persone sono traumatizzate e alcune non sanno ancora cosa sia successo ai loro cari. Le scosse di assestamento continuano a verificarsi. In termini di danni materiali, il quadro completo della distruzione causata dal terremoto sta diventando solo gradualmente visibile. ACN ha ricevuto solo un rapporto parziale, poiché non è stato ancora possibile ottenere informazioni su tutte le parrocchie della diocesi di Les Cayes. Finora, un totale di 682 morti sono stati segnalati nella diocesi, 2175 feriti e quasi 11 500 case distrutte. Inoltre, 135 chiese sono state distrutte e 111 danneggiate in misura maggiore o minore.

"Grazie per la vostra preoccupazione per la nostra diocesi. Sono commosso dalla vostra vicinanza, soprattutto in questo momento difficile dopo il terremoto", ha detto il cardinale. "Miracolosamente, siamo rimasti illesi, ma molte persone hanno perso la vita, compreso padre Jacques Percy, un prete in pensione che viveva nella casa del vescovo. Vi prego di ricordarlo nelle vostre preghiere", ha detto il cardinale Langlois ACN.

"I numeri sono spaventosi, ma non sono altro che una vaga indicazione della sofferenza che la popolazione sta sopportando", ha detto Rafael D'Aqui, responsabile del progetto ACN per l'America Latina, che si occupa anche di Haiti. "Stiamo seguendo da vicino gli eventi sul terreno, ma è complicato. La comunicazione telefonica è difficile e le infrastrutture nelle diocesi colpite, lontane dalla capitale, sono gravemente danneggiate".

"La casa del vescovo è crollata e tutto è in rovina. Va da sé che uno dei compiti più urgenti in cui ACN vuole aiutare è quello di fornire alla diocesi una nuova base operativa e attrezzarla per coordinare gli aiuti e fornire assistenza alle persone in questo momento estremamente difficile. Inoltre, il vescovo e i suoi più stretti collaboratori devono avere un tetto sopra la testa; dopo tutto, hanno perso tutto. Abbiamo anche avuto enormi difficoltà a raggiungere il cardinale, dato che non ha più nemmeno il suo cellulare", ha aggiunto Rafael D'Aqui.

Secondo le informazioni  di ACN, ci sono ripetuti attacchi ai camion che viaggiano dalla capitale Port-au-Prince a Les Cayes. Ma almeno la strada da Les Cayes a Jeremie è di nuovo aperta. Questo è estremamente importante per la diocesi di Jeremie, che è stata anche molto colpita dal terremoto, perché questa è l'unica strada di accesso alla città.

Sulla base delle informazioni fornite dalla diocesi di Jeremie, ACN stima che un totale di 26 chiese - cioè quasi la metà di tutte le chiese della diocesi (44,8%) - sono molto danneggiate. Questo include la Cattedrale di San Luigi, e almeno undici di queste chiese sono completamente distrutte. Altre undici chiese sono comunque solo macerie; sono state distrutte dall'uragano Matthew nel 2016. Un totale di 37 delle 58 chiese della diocesi (63,7%) sono distrutte, mentre 32 edifici parrocchiali o comunitari (69,5%) sono gravemente danneggiati. Un totale di 25 scuole parrocchiali e 11 centri sanitari parrocchiali completano la lista degli edifici danneggiati nella parrocchia.

Il vescovo Joseph Gontrand Decoste della diocesi di Jeremie ha inviato i suoi "sentiti ringraziamenti ai benefattori di ACN per la vostra vicinanza spirituale, la vostra solidarietà pratica, il vostro sostegno morale e spirituale e ogni aiuto che avete dato alla diocesi per aiutarla a far fronte a questa situazione catastrofica che sta causando tanta angoscia e sofferenza".

Il primo progetto di emergenza di ACN comprende il sostegno a 45 famiglie nella diocesi di Jeremie. "La situazione è insopportabile. La gente è troppo spaventata per tornare alle proprie case. Dobbiamo fornire cibo, medicine e un riparo d'emergenza a queste persone. Questa è la cosa più importante in questo momento". Padre Jean-Jacques Saint-Louis, superiore provinciale dei Padri Monfortani ad Haiti, ha detto. Tre dei frati, che lavorano in tre comunità ancora molto giovani nelle zone colpite dal terremoto e che non hanno ancora stabilito alcuna struttura organizzativa in loco, hanno lavorato insieme per identificare le famiglie più bisognose.

E padre Jean-Jacques Saint-Louis continua "Conto sulle vostre preghiere e sul vostro sostegno in questi momenti di grande sofferenza.  In questi tempi difficili del nostro paese, la preghiera dovrebbe avere un posto speciale.  Grazie per accompagnare Haiti con le vostre preghiere".